Novembre 29, 2023

Bonus Barriere Architettoniche 2024: guida completa e novità in vigore

bonus barriere architettoniche
Condividi

Tutte le Informazioni necessarie per accedere al bonus per l’abbattimento delle barriere architettoniche per il 2024

Negli ultimi anni, il governo italiano ha introdotto diversi incentivi per le ristrutturazioni, tra cui il bonus barriere architettoniche. Inizialmente parte della legge di bilancio 2022, questo bonus è stato prorogato fino al 2025, offrendo un’opportunità significativa per eliminare le barriere architettoniche e rendere gli spazi più accessibili.

Barriere architettoniche: un ostacolo da abbattere

L’accessibilità limitata negli ambienti abitativi è un problema globale riconosciuto dall’ONU. Le barriere architettoniche ostacolano l’autonomia delle persone con difficoltà motorie, sottolineando l’importanza di eliminarle per garantire un’architettura inclusiva. Nonostante le leggi esistenti, la piena applicazione di tali normative è ancora limitata.

In risposta a questa sfida, il governo italiano ha esteso il bonus barriere architettoniche fino al 2025, consentendo la detrazione fiscale del 75% per interventi finalizzati a migliorare l’accessibilità degli immobili. Questo bonus agevola l’installazione di dispositivi come ascensori per disabili, adattando gli spazi alle esigenze delle persone con difficoltà motorie.

Novità del Bonus Barriere Architettoniche 2024

Il bonus per il 2024 è stato prorogato tramite il decreto legge 38/2023, offrendo sconti in fattura e la possibilità di cessione del credito. Questo incentivo mira a eliminare ostacoli strutturali nelle abitazioni, consentendo la sostituzione di elementi esistenti o l’installazione di nuovi dispositivi come montascale o ascensori. La detrazione del 75% degli importi spesi è garantita indipendentemente dalla tipologia di intervento.

Massimali di spesa e altre informazioni

I massimali di spesa, definiti dall’Agenzia delle Entrate, variano in base al tipo di immobile e al numero di unità coinvolte. Tuttavia, la proroga del 2023 ha stabilito che tale agevolazione è cumulabile per lavori su parti comuni e singole unità abitative. La detrazione viene erogata in cinque quote annuali, ma è estendibile fino a dieci anni per agevolare chi intende utilizzare altri crediti fiscali.

Requisiti e modalità di accesso al bonus

Il bonus è accessibile a persone fisiche, enti pubblici o privati che non svolgono attività commerciale. È applicabile a tutti gli edifici preesistenti, compresi quelli ad uso commerciale o industriale, esclusivamente per interventi di adattamento, non per nuove costruzioni. La richiesta del bonus richiede il pagamento tramite bonifico specifico con causale riferita al Decreto Legge del Rilancio.

Scadenze e chi contattare

Il bonus, prorogato fino al 31 dicembre 2025, consente non solo l’installazione di ascensori o montascale, ma anche modifiche per adattare bagni e cucine. Per ottenere il bonus, è cruciale affidarsi a imprese specializzate e certificate che rispettino gli standard europei.

Il bonus barriere architettoniche rappresenta un’opportunità significativa per rendere gli spazi abitativi accessibili a tutti, contribuendo alla creazione di un ambiente inclusivo e funzionale.