Novembre 24, 2023

Mentre si aspettano soluzioni creditizie e proroghe, il Superbonus rimane in vigore?

Ranieri Ricciardi
Condividi


All’interno delle conversazioni riguardo alla manovra in corso, Federica Brancaccio, presidente dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili (Ance), ha espresso la sua posizione riguardo al Superbonus. Ha enfatizzato l’esigenza di affrontare i problemi relativi ai crediti e di ottenere una proroga per garantire un corretto completamento dei cantieri.

“Non vi è alcun dubbio che oggi mi soffermerò su questa narrazione che sembra addossare al Superbonus la responsabilità di tutti i problemi di questo paese”, ha confermato Brancaccio arrivando a Palazzo Chigi per l’incontro sulla manovra.

La presidente Ance ha chiarito che il Superbonus era originariamente una misura eccezionale a tempo determinato e l’associazione non ha mai manifestato dissenso, essendo consapevole della sua scadenza. Comunque, ha evidenziato che sono già trascorsi oltre 12 mesi e ci si aspetta ancora una risoluzione dei problemi legati ai crediti inesigibili, insieme alla richiesta urgente di un’estensione del termine al fine di assicurare la conclusione ordinata delle opere edili condominiali.

Secondo Brancaccio, è importante ricordare che il Superbonus ha contribuito alla nostra crescita, ma questo non giustifica l’ingiustizia per i cittadini e le imprese.

Rispetto alla richiesta di proroga per gli incentivi ai condomini, Brancaccio ha evidenziato che finora ci sono state diverse estensioni per le abitazioni unifamiliari. Tuttavia, esistono ancora molti condomini nelle periferie che devono essere ultimati e non possono essere lasciati incompiuti mettendo a rischio famiglie e imprese.

A chi le chiedeva se ci fosse un margine per inserire la proroga nel maxiemendamento alla manovra, Brancaccio ha risposto: Stiamo insistendo con la nostra richiesta, continueremo a farlo fino al limite estremo, poiché se veramente credono che questa sia la cura per tutti i mali, si corre il rischio che diventi addirittura peggiore del male.

Per proteggere gli interessi delle imprese e delle famiglie coinvolte nei progetti edilizi in corso, L’Ance è nella speranza che il governo trovi soluzioni concrete. Si augura che la discussione in corso sulla manovra conduca a risposte positive e soluzioni pratiche per superare gli ostacoli attuali riguardanti il Superbonus.